“Alla Hopp” puppen. Le bambole di Kafka, Woolf e Bowie a Berlino

cache_2419712974

La bambola ha origini antichissime, nasce infatti come accessorio sacrale e corredo del sacrificio offerto alla divinità.

Gli antichi Egizi costruivano bambole con piccoli pezzi di legno che dipingevano con particolari motivi per dare l’idea dei vestiti, spesso ponevano le bamboline nelle tombe e i tantissimi ritrovamenti accanto ai corpi dei bambini sembrerebbero già dimostrare il loro senso ludico.

In molte culture le bambole erano associate a riti della fertilità.Le fanciulle greche prima di sposarsi le portavano al tempio della Dea Artemisia per accedere a una nuova fase della vita che vedeva la conclusione di quella infantile.

Nell’Ottocento, compaiono in America le prime bambole di pezza per tenere buoni i pargoli durante le funzioni religiose mentre nel 1900 il “Bebè caractère” conquista il cuore delle bambine tedesche e la Germania grazie a questo bambolotto con le fattezze di un neonato dal viso gioioso di biscuit, diventa la nazione guida nel campo del giocattolo.

Le bambole sono oggi vero e proprio ideale estetico e simbolo rappresentativo della moda del costume, proprio come quelle dell’artista berlinese Karl Schlarb che realizza, rigorosamente a mano, i suoi preziosi puppets.

Già dall’esterno della galleria di Solmsstraße  possiamo respirare un’aria magica e fiabesca, infatti un giardino pieno di fiori e nidi di uccellini ci conduce all’entrata, scendiamo le scale e incontriamo tutti i pupazzi elegantissimi che si lasciano ammirare  in mezzo a stoffe colorate, bottoni e scatole di cartone.

Questi corpicini sottili possono sedersi, sdraiarsi, rannicchiarsi, danzare a seconda del contesto e stato d’animo del proprietario e presentano  non solo caratteristiche attuali con un look alternativo o estremo, ma si ispirano per la maggior parte a figure storiche e letterarie come Franz Kafka e Virginia Woolf .

oso

 

Tante bamboline sono ora in giro per il mondo a casa di collezionisti e di molte persone che amano il bello e vogliono riservare un piccolo posto ad una grande opera d’arte.

 

 

 

m,m

 

La galleria è aperta da lunedì a sabato

ore 13-19

siti web

http://allahopppuppen.de

https://www.facebook.com/karl.schlarb

 

 

 

 

 

indirizzo

Solmsstr. 30

Berlin

Posted on by raffaella

Add a Comment