Il sussidio di disoccupazione a Berlino: HARTZ IV

hartz-iv sussidio berlino

{Redazione: ecco un brillante articolo di Giulia che ci spiega come muoverci nell’ambito professionale di Berlino, tra sussidio e ricerca di lavoro. Grazie Giulia!}

La prima cosa appena arrivati a Berlino, come in qualsiasi città in Germania, è andare a registrarsi al comune, all’ufficio Bürgerbüro, "Anmeldebestätigung" in tedesco,
Vi verrà chiesto un documento personale, carta d’identità o passaporto, e copia del contratto d’affitto, per verificare l’indirizzo del vostro domicilio a Berlino.
Vi verrà consegnato un documento cartaceo sul quale saranno scritti i vostri dati e il luogo di residenza. Custoditelo bene e mettetene una copia nel portafogli.
È l’unico documento dove avrete scritto l’indirizzo e vi verrà richiesto spesso, per comprare una scheda telefonica per cellulare, così come per aprire un conto in banca.

LE  INFORMAZIONI CHE SEGUONO QUESTO TESTO IN ROSSO RIGUARDANO LA SITUAZIONE PRIMA DEL FEBBRAIO 2012!

DAL FEBBRAIO 2012 IL GOVERNO HA DECISO DI TAGLIARE IL CONTRIBUTO ( SUSSIDIO HARTZ IV) AI CITTADINI EUROPEI E DI NON PROLUNGARLO A CHI NE USUFRUISCE AL MOMENTO. VENGONO GIÁ MANDATE LETTERE DI DISDETTA E NEI COMMENTI DEI LETTORI CI HANNO GIÁ SCRITTO LA LORO ESPERIENZA E LINKATO DEGLI ARTICOLI. APPENA LA SITUAZIONE SI SARÁ CHIARITA AL 100% RISCRIVEREMO COMPLETAMENTE L’ARTICOLO.

QUESTA LEGGE NON VIENE APPLICATA A CHI:


– è in Germania da cinque anni o più
– ha lavorato in regola dipendente per almeno un anno e rpende il Jobcenter in aggiunta dei soldi della Agentur für Arbeit
– ha un lavoro sospeso per Elternzeit e lo riavrà dopo questo periodo
– prende i soldi del Jobcenter solo in aggiunta di un lavoro non troppo piccolo (uguale se dipendente o indipendente)

http://www.morgenpost.de/politik/inland/article1923693/Deutschland-verweigert-EU-Zuwanderern-Hartz-IV.html?utm_source=twitterfeed&utm_medium=twitter

Chi non ha ancora un lavoro, e non ha mezzi di sostentamento, ma è residente in Germania, ha diritto ad un sussidio “ALG II, Arbeitslosengeld”, chiamato più comunemente Hartz IV (sarebbero 351€ mensili più il pagamento dell’affitto,ovviamente per case che non possono risultare troppo grandi per un affittuario: per capirci, non verrà mai pagato l’affitto di una casa di 100mq per una persona singola). Per farne richiesta bisogna recarsi al Jobcenter del proprio quartiere (ecco il motore di ricerca per Bezirk http://www.berlin.de/jobcenter/index.html). I tedeschi sono famosi per la burocrazia, e questo ufficio non è da meno. Al richiedente vengono dati numerosi formulari da compilare, dove vengono chieste informazioni sui costi dell’alloggio (affitto e spese d’acqua, luce, riscaldamento etc..), se si posseggono assicurazioni, auto, se si vive con un compagno e quanto guadagna questa persona al mese etc…Insieme a queste informazioni si devono anche presentare estratto conto degli ultimi 3 mesi, contratto d’affitto, ed eventuali spese aggiuntive che si devono affrontare ogni mese. Attenzione perché a tale sussidio non hanno diritto solo i disoccupati, ma anche coloro che lavorano per poche ore a settimana e non guadagnano abbastanza per sopravvivere. In questo caso è necessario mostrare che si dispone di un’entrata fissa e presentare periodicamente la propria busta paga.

Se la domanda viene accettata, riceverete presto il sussidio sul vostro conto corrente (tedesco ovviamente). Incluso nell’aiuto che vi offre il Jobcenter è la copertura sanitaria. Il jobcenter è molto puntuale nei pagamenti, ma è anche molto esigente nelle richieste e negli appuntamenti. Fin quando venite sostenuti da questo ufficio, non potrete allontanarvi da Berlino per un periodo superiore alle tre settimane l’anno, e ogni volta che vi allontanate dovete farlo presente. Quando venite invitati ad un appuntamento non dovete assolutamente mancare, altrimenti vi verrà tolta un percentuale del sussidio. Se proprio non potete essere presenti, dovete sempre comunicarlo e motivarlo.
Ovviamente il jobcenter pretende che i propri assistiti facciano di tutto per trovarsi un lavoro che gli permetta di vivere adeguatamente. Per questo motivo verrete affidati ad una persona del Jobvermittlung, che dovrebbe, in base al vostro profilo professionale e d’istruzione, trovarvi un’occupazione. Dico dovrebbe perché in realtà l’aiuto che vi offre è minimo, non aspettatevi che vi trovino realmente un lavoro. Può tuttavia succedere che vi inviino un invito a presentarvi per un colloquio di lavoro in un’azienda trovata da loro. Potete rifiutarvi ovviamente, ma motivando sempre il perché della vostra scelta. Qualora non vi presentiate al colloquio e non ne informiate il Jobcenter, una percentuale del sussidio vi verrà tolta.
La persona che vi seguirà nella ricerca di un lavoro, ha il compito di delineare un vostro profilo professionale. Non dovrete presentare alcun certificato col titolo di studio, ma puó sempre servire, quindi è meglio se lo fate tradurre da un traduttore giurato (ecco una listahttp://www.comites-berlino-brandeburgo.de/index.php?content=indi_professionis ) e allegarlo sempre al vostro CV.
Naturalmente le iniziative spontanee vengono premiate. Se voi vi candidate per un lavoro, senza quindi aspettare la spinta dal Jobcenter, che talvota non arriva proprio, per ogni „Bewerbung“ che presentate vi verrano dati 5 euro. Cercare un lavoro qui non è molto differente che in Italia. I motori di ricerca online sono gli stessi (monster.de e stepstone.de), ma potete anche cercare sui quotidiani come il morgenpost che offre anche un motore di ricerca sul web. Altra possibilità è quella di presentare spontaneamente il proprio CV presso aziende che potrebbero interessarvi o presso le agenzie interinali di qui.

Quanto detto sopra, presuppone che chi arriva qui conosca il tedesco, e anche bene. I formulari da compilare sono rigorosamente in tedesco, e talvolta non proprio semplici da comprendere.
Nessun dipendente parla inglese, anzi con gli stranieri sono spesso un po’ diffidenti, dovete dimostrare loro che non siete venuti fin qui solo per usufruire dei soldi dello stato. Chi non conosce bene il tedesco è meglio che si faccia aiutare da un conoscente che invece è bravo. Chi non conosce assolutamente bene il tedesco deve, non solo farsi aiutare da qualcuno, ma anche fare richiesta per frequentare un Integrationskurs. Questi ultimi sono dei corsi di tedesco che mirano proprio all’integrazione degli stranieri. Costano in generale poco, ma potete ottenere un sostegno economico dal Jobcenter e non pagare nulla.
Non pensate di poter vivere bene con questi aiuti offerti dallo stato. Il loro sostegno basta per sopravvivere, ma non per permettersi dei lussi come mangiare la pizza fuori, o farsi le vacanze. Cosí fosse nessuno andrebbe piú a lavorare.
Informazioni utili sull’Hartz IV le potete trovare su

http://www.sozialhilfe24.de/hartz-iv-4-alg-ii-2/was-ist-hartz-iv-4.html

tutto rigorosamente in tedesco!

IMPO

Posted on by Redazione

281 Responses to Il sussidio di disoccupazione a Berlino: HARTZ IV

  1. Mauro

    Tanti commenti ci sono, talmente tanti che non ricordo cosa sia scritto nell’ultimo…Insomma, tutte le letture mi hanno solo creato confusione. A questo si aggiunge l’esperienza di vita fatta a Monaco di Baviera che non è stata particolarmente utile. Sono un medico veterinario, voglia di proseguire nello studio, crescere professionalmente, voglio sacrificarmi, non ho problemi economici,non cerco denaro, posso auto-sostentarmi senza lavorare nell’immediato ma non ho affatto capito come poter entrare nel mondo della veterinaria…mi chiedo se stanno alla frutta come noi italiani sul piano della medicina veterinaria…Per circa 4 settimane di vita trascorse in albergo ho capito un cavolo….ah, unica certezza è che per iscrizione ad ordine dei veterinari vogliono il livello di lingua pari a B2…ancora mi chiedo però se sia intelligente per un italiano raggiungere la Germania per investire nella professione di medico veterinario…bho…il cane non sapeva rispondermi!!!

  2. xlionheartx

    si va be @anna calmati grazie per il tuo copia e incolla ma non ho capito granchè

  3. CarloLäuft

    Ciao a tutti, sono un ragazzo di 26 anni e sono qui a Berlino da Maggio, ho fatto l’anmeldung e da tre settimane sono iscritto all’AIRE. Penso di avere fatto una cazzata a iscrivermi all’AIRE perchè ora devo avere un’assicurazione sanitaria. Ho lavorato qualche volta come comparsa nelle pubblicità guadagnando meno di 400 euro al mese (peggio che in Italia). Vorrei fare richiesta per l’Hartz IV, quali sono ora le condizioni?
    Scusate se lo chiedo ma qui c’è una serie infinita di commenti con anche argomenti diversi e alcuni anche contrastanti. Un bacio a tutti gli italiani e italiane che stanno facendo sacrifici per vivere qui perchè il nostro paese è stato venduto alle banche!

  4. Elisa

    ciao ragazze/i voglio venire a berlino per un po’ sperando di trovarmi un lavoretto!!
    ma ho bisogno di una stanza!!qualcuno può aiutarmi!!!aiutatemiiii

  5. Gick

    ciao, sono un neolaureato di 27 anni in ingegneria strutturale, a breve mi trasferirò a Munchen.
    La situazione in Italia è diventata insostenibile.
    Preferisco fare un’esperienza all’estero più o meno lunga, nel frattempo che le cose migliorino.
    Parlo un po’ d’inglese, con il tedesco sono a zero.

    Ho qualche possibilità?

  6. Alberto

    Salve a tutti, io sono arrivato in Germania a Dicembre dell´anno scorso e ho faffo l´anmeldung il 1 gennaio 2012. Essendo in salute ed in grado di lavorare ho pensato di provare subito a cercar lavoro, inizialmente ho trovato poca roba, ed in nero(operaio, magazziniere cameriere, ecc.) a Marzo ho chiesto all´Arbeitsamt notizie riguardo corsi di tedesco intensivi, perché in cantiere non imparavo un granché la lingua. La risposta fu che potevo frequentare un corso di tedesco a spese loro ed in piú ricevere tutta una serie di aiuti economici(arbeitslosgeld, wohngeld, fahrkosten ed anche i libri di tedesco). Ovviamente non credevo alle mie orecchie, ma comunque compilai e presentai i vari moduli. Dopo tre mesi trascorsi a girare come una trottola, la vita era diventata un esercizio burocratico(Flaiano), fui convocato dall´Arbeitsamt per sentirmi dire che, “es tut uns leid”, aber…. Avevano sbagliato a darmi le informazioni perché la legge era cambiata a Dicembre e loro ancora non lo sapevano, quindi a me non spettava una cippa. Nel frattempo avevo cominciato a frequentare il corso ed, a quel punto, ho dovuto finanziarmelo da me per intero. Quindi ho fatto cosí: la mattina alle 4 minijob in un Lager fino alle 8, poi corso di tedesco dalle 8.30 alle 12.45, pranzo al volo, e 4-5 ore di cantiere(in nero, finché non finisco il corso). Col minijob guadagno 400 euro di cui 190 vanno via mensilmente in Krankenkasse. Per fortuna in cantiere guadagno 10 euro l´ora, cosí posso pagarmi affitto, corso di tedesco, bollette , spese per vivere e….affitto italiano(senza ragionevoli certezze non me la son sentita di fare il trasloco, ma entro Natale faró anche questo). Questo per dire di non cercare a tutti i costi i sussidi, che spesso il miglior sussidio é la nostra forza di volontá. Ovviamente chi puó contare su un aiuto non deve rifiutarlo a priori per paura di essere etichettato come “parassita” giochino a cui i tedeschi sono affezionati, ma consiglio di non contare in eterno solo sulla manna del cielo. E chi cerca di migliorare la propria condizione tramite la ricerca di un lavoro che appassioni o sia almeno un minimo interessante ha la mia simpatia e comprensione ma, a volte, é necessaria un pó di capacitá di adattamento e disponibilitá a qualche sacrificio, almeno inizialmente. Grazie per lo spazio e scusate la lunghezza.

  7. fra82

    Ciao a tutti,
    vi scrivo perchè avrei bisogno di un consiglio o di qualcuno che magari, avendo già vissuto la mia situazione, sa dirmi come muovermi.
    Allora:
    a marzo 2013 sono 5 anni che sono anmeldata a Berlin. Ho lavorato dal 2008 fino al 2010 (dopo questa data ho usufruito dell’ ALG1 e ALG2)e poi da agosto 2011 fino a luglio 2012, data in cui sono stata licenziata. Ora, da Agosto 2012 fino ad oggi ho cercato altri lavori che mi facessero un contratto però di fatto non ho trovato nulla, ho fatto più che altro lavoretti tipo baby sitter…cmq tutte cose a nero. Quindi sono 6 mesi che cerco di cavarmela da me. (chiaramente dopo aver fatto anche la disdetta dalla mia krankenkasse, non ho neanche la copertura santaria). Ora non riuscendo più a farcela da me e a chiedere aiuto ai miei, avevo pensato di fare domanda per l’Hartz IV. La mia perplessità nasce dal fatto che:
    1-il periodo che ho lavorato lo scorso anno va dal 1 Agosto 2011 al 13 Luglio 2012….quindi non è un anno (cmq con una busta paga di 480 euro brutto)
    2-Ho già usufruito dei sussidi di disoccupazione nel 2010
    3-Farei la domanda per la disoccupazione quasi 6 mesi dopo essere stata licenziata…e non so se questo è possibile
    4-Non so se cmq devo andare prima all’Arbeit Agentur per l’ALG1 e poi fare domanda al Job Center per l’HArtz IV

    NOn so, se qualcuno sa darmi delucidazioni a riguardo, oppure se si conosce qualche avvocato gratuito che magari parli anche un pò d’italiano e farmi un’idea.
    Non so cosa fare….

    GRazie CIao Fra

  8. Maria

    Salve a tutti, scrivo per ringraziare ANNA delle informazioni in merito agli avvocati gratuiti e i vari uffici a disposizione degli stranieri. Scrivo per esperienza personale diretta: il sussidio Hart IV lo hanno dato anche a me, senza un minijob e grazie agli avvocati gratuiti che mi hanno spiegato la situazione. Vi consiglio di studiare il tedesco, o farvi aiutare da una persona che lo parla molto bene. Al job center faranno di tutto per non accettare la vostra richiesta, voi continuate e depositatela comunque. L´avvocato di CHANCE ha aperto una causa contro il job center, l´ha vinta, loro hanno fatto ricorso, hanno perso. Certo i regolamenti tra i vari stati europei cambiano spesso, ma al momento non vi possono negare il sussidio per legge. Se vi arrivano lettere dal job center sempre far visionare all´avvocato. Sono li´ apposta e fanno il loro lavoro con professionalita´ e impegno. Indispensabile parlare tedesco o aver qualcuno che lo parla, ripeto, sono molto fiscali in Germania, ed e´ difficile capire anche per chi e´ madrelingua. Complimenti ad Anna che ha fatto tutto da sola e grazie ancora, mi hai tirato fuori da una situazione complicata. Con riconoscenza e affetto, Maria

  9. natascia

    ciao ragazzi vorrei sapere cosa fare ho tanto desiderio di ritornare in germania ma ora non so come fare non ho nessun appoggio se dovessi partire e arrivare la da sola a chi mi dovrei rivolgere sto cercando di riprendere lo studio della linqua io vorrei vivere li è dare un futuro ai miei figli ci sono aiuti per chi ha figli? io ne ho 4 tutti minori vielen danke natascia

  10. lauraberlin

    Ciao, ho una domanda riguardo i sussidi di disoccupazione “ordinaria” per così dire(non Hartz IV): ho lavorato sotto regolare contratto per 5 mesi consecutivi – ho diritto a chiedere i sussidi di disoccupazione per il periodo in cui cerco nuovamente lavoro?

    Grazie a chi saprà dirmi qualcosa!
    Laura

  11. Corrado

    Leggo gli ultimi commenti e vedo tnte idee e ben confuse.
    Intanto una cosa fondamentale. ALG 1, ALG 2 (HArtz4) Wohngeld, Kindergeld, Erziuhungsgeld etc etc, sono TUTTE prestazioni erogate dalla Agentur für Arbeit. Quindi Se volete accedere ad una qualsiasi di queste prestazioni dovete recarvi sempre nello stesso posto. Il Jobcenter é un dipartimento della Agentu für Arbeit.

    Poi chiarimo una cosa. LG 2 non é un sussido di disoccupazione in senso stretto. Quello é ALG1. Inltre accedere ad ALG2 rende impossibile la richiesta della cittadinanza tedesca.

  12. erica

    e invece non é proprio cosí…
    – per ottenere Wohngeld bisogna farne richiesta al Wohnungsamt
    – Erziehungsgeld va richiesto a Elterngeldstelle dello Jugendamt del quartiere in cui risiedete

  13. Corrado

    Vero. MI ero confuso. Ma gli altri sono giusti

  14. Jessica

    Domani mi presenteró al jobcenter della mia cittá con i formulari chiesti ma c’é solo un problema mi chiedono una cosa che non capisco molto bene… “daneben Lebensläufe aller Personen ab dem 15. Lebensjahr” che cosa significa sono nel panico e non conosco nessuno che mi possa aiutare

  15. Ruth

    vogliono i curriculum di tutte le persone ( te, immagino, o qualcun altro che richiede il sussidio o vive con te?) sopra i 15 anni

  16. ivan

    salve,vorrei avere un informazione se possibile.l’anno scorso ho deciso di andare in germania,con moglie e figlio,ho usufruito dell’hertz IV, io lavoravo come aiuto cuoco.hertz IV mi pagava la casa e mi mandava i soldi ogni mese,poi ho iniziato pure il corso di tedesco tutto pagato.dopo un paio di mesi sono rientrato in italia,una volta giunto in italia ho avvisato hertzIV che ero in italia e loro mi hanno detto che avrebbero sospeso il sussidio,cosa che ritengo giusta.ora vorrei sapere,siccome avrei intenzione di ritornare in germania per lavorare,posso usufruire ancora del sussidio di hertzIV?riapriranno la pratica che gia avevo oppure dovro’ fare tutto dall’inizio?vi ringrazio anticipatamente.grazie.

  17. Marta

    Buongiorno a tutti,
    stavo guardando questo sito perchè trovo che sia davvero molto interessante per le informazione personali sulla burocrazia Tedesca.
    Sarò a Berlino il 1 Novembre con lavoro e casa,ma mi chiedevo come posso informarmi di tutte queste cose.
    Se non erro la disoccupazione,questa(Hartz IV)te l’ha danno dopo che hai lavorato 2 anni consecutivi e con contratto in Germania Giusto??
    Qualcuno potrebbe farmi capire meglio x favore??
    grazie per lo spazio di domande a disposizione!!

  18. Marco

    Salve, io volevo sapere cos’ è la prima cosa da fare quando si arriva in Germania e ci si vuole trasferire per imparare la lingua e poi lavorare.
    Ho letto che ci sono delle convenzioni per i corsi di tedesco e forse ci sono anche corsi professionalizzanti… qualcuno saprebbe dirmi qualcosa in più?
    Grazie

  19. Mario

    Ciao gente, allora : Io mi trovo a Berlino da 3 mesi, una assessore che aiuta appunto con la burocrazia ed i job center, mi ha confermato che devono passare 3 mesi di residenza per chiedere un sussidio. Con la nostra carta per la sanita’ Italiana possiamo avere le cure mediche Gratis ! Oggi sono andato di persona per chiedere un’aiuto presso il ” bundesagentur fur arbeit ” di Mitte , ho chiesot se parlasse inglese alla persona alla reception( che fra l’altro non era di origin tedesche ed indossava pure un velo sulla testa ), in modo scocciaot mi ha detto si e mi prendeva in giro chiedendomi se io parlassi tedesco, vabeh… Poi mi ha detto che su al primo piano nessuno parla inglese ma di provare ugualmente, e sempre insistendo se avessi un’amico che parlasse tedesco io rispondevo di no e loro ridevano, avevo gia’ fatto presente che ho dei problemi di salute e non posso continuare a lavorare , cioe’ il motivo che mi spinge ad andare da loro, e loro ridevano, belle merde ma ho lasciato andare e non ho spiegato loro il motivo, anche se pienamente valido, ma non andiamo fuori tema, una parentesi giusto per raccontare la mia esperienza presso questi uffici… Al primo piano mi dicono che non parlano tedesco e che dovrei portare io un traduttore, o un’amico o pagandolo !!! Ho appena inviato una mail a quelli di Chance speriamo mi contattino al piu’ presto. Qualcuno sa se e’ possibile avere un traduttore gratis ? Mi avevano informato di si ma loro mi han detto di no ! Ciao !

  20. Mario

    Mi sono accorto adesos dell’errore 🙂 Al primo piano mi dicono che non parlano Inglese …

  21. rudy

    “che fra l´altro indossava pure un velo in testa”. Il nocciolo, la quintessenza, il piatto squisito della tua sopravvivenza sta tutta lí, piuttosto che alla Chance. Tu (!!) che ironizzi sulla risata (sia ben chiaro, gratis anche quella) dell´impiegata alla reception, dove magari in questa cittá ci è pure nata.
    beh si, fosse stata bionda, ti saresti piú sentito come i figli di B.?
    Puntuale piú di un tedesco ti presenti al Job Center dopo 3 mesi di soggiorno e non deve far ridere a nessuno nessuno, nemmeno a quella con il velo in testa?
    Ti risulta che in Italia gli impiegati statali e parastatatli parlino inglese? di cosa ti arrabbi? Doveva funzionare tutto subito? Avevi programmato giá tutto e non ha funzionato come pensavi? Stay calm and learn german, dai che tutto si sistema, porta pazienza, sennó non la puoi pretendere.

  22. Mario

    Rudy ma di cosa stai parlanndo ? Io sto facendo 2 lavori e mi fa male la schiena ritornando a casa dopo aver pulito 20 camere in Hotel !!! Non ho programmato niente e non mi sto’ lamentando di niente, qui il tema del Blog e’ appunto il Job Center e le leggi Tedesche , ho sottolineato del velo perche’ anche lei e’ immigrata o figlia di immigrati che , mia opinione, hanno avuto l’Aiuto dallo stato tedesco anche loro, ripeto mia opinione ! Poi chi sono sti’ figli di B ? A cosa fai riferimento ? Cosa vuoi dire ? Ho detto che ho dei problemi di salute e non posso lavorare cosi’ tanto purtroppo ma, continua ad andare a lavorare, come ho fatto oggi che e’ Domenica !!! Basta con ste’ risposte del cavolo nascondendovi dietro ad una tastiera, io voglio lavorare come ho sempre fatto ! Non fare il parassita !!! Non ti permettere piu’ di additarmi e basta con le polemiche qui e’ un Blog per fare informazione !

  23. Mario

    Rispondendo a Marco dico che le scuole meno care costano 150 euro al mese, 3 o 4 ore al giorno, scegli tu ! Ma se fai presente che vuoi fare un corso di Integrazione, ti fanno pagare 120 al mese x 6 mesi e se alla fine ottieni un voto discreto al test finale ti restituiscono la meta’ ! Ma prima di tutto devi fare L’Anmeldung dopo aver affittato una camera, non vale per l’Hostello, puoi pure farti ospitare da qualcuno e dare il loro indirizzo, NON SERVE UN CONTRATTO D’AFFITTO !!! Passaporto la cosa migliore, oppure la Carta D’Identita’ ! Devi andare presso il Bürgeramt della zone dove hai la camera o sei ospitato con questo form compilato, copia questo link scarica il pdf e stampa solo la pagina 3 http://www.berlin.de/formularserver/formular.php?52009 – Dopo devi fare la Lohnsteuerkarte devi andare presso il ” Finanzämter ” , qui cerchi quello della tua zona ! Volendo potresti lavorare pure senza questi documenti ma se vuoi Sentirti berlinese devi fare questi 2 all’inizio ! Cosi’ ho fatto io appena arrivato ! 🙂 http://www.berlin.de/sen/finanzen/steuern/finanzaemter/

  24. Maria

    Parlate dei avvocati di CHANCE…dove si possono contattare per domande.

    Io al momento sto facendo un stage pagato…fra due mesi mi scade il contratto che non sara rinovato con un contratto regolare di lavoro come mi e stato promesso.In questi 6 mesi ho pago le tasse qundi ho il Sozialversicherung. Ho paura che non riusciro a trovare subito un altro lavoro, anche perche parlo Tedesco base…

    La mia domanda e se in caso in qui non riesco trovare altro lavro avro diritto al sussidio?

    Pensavo di fare domanda adesso anche per Wohnungeld…non sapevo che c’e questa possibilita fino 2 giorni fa, da una mia amica tedesca che ha fatto la richesta.

    Grazie!

  25. Massimiliano

    Cercasi persona che mi faccia da interprete per il jobcenter, possibilmente domani mattina.
    Grazie
    Massimiliano

  26. Claudia

    Cercasi persona che mi faccia da interprete per Arbeitsagentur, possibilmente entro questa settimana.
    grazie mille

    Claudia

  27. Di Cagno Antonio

    Ha tutti gli Italiani ,che ano problema in Germania ,e non sono come fare,si puo comunicare con me ,per Mail,a.di.cagno@web.de,Tel. 0151-50267583,

  28. Di Cagno Antonio

    Interprete,Spañol-Deutsch-Argentino-

  29. Mary

    Buona sera avrei un problema con job center e arbeizamt cercavo su internet qualche numero di avvocati per una consulenza gratis e pensavo che magari potrebbe aiutarmi in attesa di una sua risposta ringrazio anticipatamente

  30. Massimiliano

    Vorrei trovare un lavoro in Germania come fare

Add a Comment