Conoscere nuova gente, internazionale e italiana, con Internations

Quando si decide di trasferirsi in un nuovo paese, dove lingua e cultura sono differenti, gli ostacoli da affrontare non mancano. Sono tante le cose nuove da imparare, da sbrigare, da ricordare e da sapere. Il più delle volte bisogna ricominciare tutto da zero: nuova casa, nuovo lavoro, nuovi Read more

Cerchi un professionista o un artigiano che parla italiano? Cerca su Berlinitaly!

Il portale Berlinitaly é sempre più ricco di iscrizioni, che vi ricordo, sono gratuite. È un luogo ideale per presentarsi e una banca dati sempre più ricca per chi cerca professionisti di tutte le categorie che parlano la nostra lingua. Spargete la voce tra i professionisti italiani o tedeschi a Berlino Read more

Cercare un lavoro in Germania

www.pixabay.com Che dire? GRAZIE GRAZIE Corrado Musso per i tuoi non preziosi, ma preziosismi articoli!!! Sono chiari e vanno dritti al punto! Una splendida giornata di sole a tutti! Ruth   Cercare un lavoro in Germania? -Vorrei venire in Germania a cercare lavoro, mi sapete dare qualche consiglio -Ottima idea. Che cosa sai fare, che Read more

Verità e pregiudizi sul mercato immobiliare a Berlino. Intervista a Ruth Stirati di Case a Berlino

Intervista di Dalal Irene Al Zuhairi a Ruth Stirati di Case a Berlino sulle verità e sui pregiudizi sul mercato immobiliare a Berlino. Dopo aver conosciuto Ruth, mi era chiaro che le dicerie sul mercato immobiliare Berlinese fossero numerose. Così abbiamo deciso di stendere un’intervista che potesse essere utile  a tutti coloro Read more

Le Iscrizione alle Elementari e La scelta della scuola! Anno scolastico 2016/2017: la Grundschule am Senefelderplatz offre lezione di alfabettizzazione in Italiano

Posted on by Ruth in Famiglia e bambini, Scuole e asili bilingui, Società | Leave a comment

verba_volant_logo_blau_web_neu

 

Buongiorno a tutti in questa settimana grigia fredda ma GEMÜTLICH ! Sono sicura che questo articolo di Mafalda Cogliani interesserà molti genitori che vivono nella parte più nord di Berlino! Buona lettura! Ruth Ricordo a tutti di leggere anche questo mio articolo al riguardo sull’educazione bilingue dei bambini, che segue la regola: una persona una lingua! 

 “Mamma dai, mi puoi fare l’Absperrung quando passo con la bici?”

Mia figlia ha 5 anni ed é nata a Berlino parla molto bene l’italiano, senza accento e senza la „r“ teutonica ma a volte le manca la parola giusta! A casa si parla tedesco, la lingua del papà e della città e io mi sforzo continuamente di farle parlare l’italiano correttamente.

Come molte altre „giovani“ famiglie berlinesi abitiamo a Prenzlauer Berg e frequentiamo Read more

DA NON PERDERE PER GRANDI E PICCINI! COFFI KINO Italian film & Art Festival BERLIN 09-12 LUGLIO 2015

Posted on by Jennifer in Cinema, Concerti, Cultura, Famiglia e bambini, Feste e eventi, Film, musica, Scuole e asili bilingui, Società, Teatro, Turismo, Varie | Leave a comment
Was ist meine Heimat? Labor Epos

Was ist meine Heimat? Labor Epos

Cari tutti scusate se postiamo questo articolo con un giorno di ritardo…perdono!

Oltre che presentare questo bellissimo festival dove consigliamo a tutti vivamente di andare, vorrei spendere qualche parola in più sullo spettacolo all’interno del festival che si svolgerà Domenica alle ore 12.30 e di cui vedete allegato il flyer. Si tratta dello spettacolo preparato dalla 6 D della scuola europea Finow nell’ambito del progetto scolastico Labor Epos e che é giá stato presentato con grande successo alla Humboldt Universität durante la lunga notte delle scienze il 13 Giugno.  La 6D  é la classe che frequenta mio figlio, e io ho avuto già la fortuna di poter assistere alla rappresentazione teatrale mercoledì scorso nell’aula magna della scuola. Lo spettacolo é bellissimo per grandi e piccini, é in tutte e due le lingue, e fa ridere e commuovere allo stesso tempo, perché tocca il tema della nostalgia e della patria  ma non solo! Si parla di amicizia, sentimenti, sogni. Il fulcro però rimane la domanda:  Che cosa é la patria? Quale significato ha? Che sensazioni abbiamo quando pensiamo alla nostra patria? La patria é un luogo o un sentimento? I bambini si pongono queste domande  e per rispondere ci portano nel mondo mitologico dell’Iliade e dell’Odissea, con i viaggi fantastici di Ulisse e il suo viaggio di ritorno da Penelope. Abbiamo quindi un intreccio tra mitologia e presente, tra il viaggio di Ulisse e il nostro giornaliero viaggio alla ricerca di una patria in un paese straniero. Devo ammettere di essermi emozionata tantissimo a vedere questi bambini di 12 anni portare in scena uno spettacolo così bello e profondo, preparato durante un intero anno scolastico ( grandissimi complimenti alla regia), e  non sono stata la sola a versare lacrime di gioia e di commozione nell’assistere ad un piccolo grande capolavoro. Quindi consiglio personale : VENITE A VEDERE LO SPETTACOLO che si svolgerà Domenica 12 Luglio alle 12:30 nella Willner Brauerei, Berlinerstr. 80, 13189 Berlino.

Chiaramente consiglio di seguire tutto il festival! Ecco le altre informazioni  riportate dalla nostra Jennifer. a Domenica! Ruth

 

Ieri giovedì 09 è iniziato finalmente il tanto atteso evento del Coffi Kino, festival di arte e cinema italiano.

Il festival avrà luogo alla Willner Brauerei Berlin (WBB) e verrà inaugurato con un aperitivo tutto italiano.

Qui trovate l´evento: CoffiKino

Quattro giorni di cultura, musica, teatro, workshops, corti, esposizioni, mercatini, accompagneranno questa edizione dei rinomato festival. Come già anticipato nei nostri articoli precedenti, il tema è Grow on Diversity, che rappresenta il filo conduttore delle opere di cinema.

Il programma prevede spettacoli di danza, mostre di arti figurative e proiezioni cinematografiche e si svolgerà come segue: Read more

CITTADINE DI SECONDA CATEGORIA? Una riflessione sulla vita a Berlino

Posted on by Ruth in Corsi di tedesco, Cultura, Curiosità, Documenti, Lavoro, Salute, Scuole di lingua, Scuole e asili bilingui, Società, Studio | Leave a comment

Cari tutti, ecco un post che mi ha reso molto triste. A me personalmente non é mai andata così ma forse perché io il tedesco lo parlo senza alcuna cadenza avendolo imparato da piccola? O perché non ho mai dovuto fare degli esami di tedesco per esercitare la mia professione? O perché sono stata semplicemente più fortunata? Purtroppo non so trovare una risposta.  Reputo importante pubblicare questo post per sentire le vostre esperienze a riguardo. Sotto trovate l’introduzione scritta da una ragazza della redazione. Buona lettura. Ruth

 

Abbiamo ricevuto un interessante punto di vista di una lettrice sulla vita a Berlino, che preferisce rimanere nell´anonimato. Come potrete leggere nel post questa esperienza esprime una visione alquanto dura e critica della città e della sua mentalità verso gli stranieri. Personalmente posso dire che fino ad ora non ho avuto questo tipo di trattamento, ma è anche vero che il mobbing (o meglio l´esclusione esacerbata attraverso piccoli particolari che alla fine distrugge l´autostima), o forse semplicemente non la voglio notare.

L´altra sera stavo parlando con un´amica, che parla molto bene tedesco (oltre ad averlo studiato chiaramente all´università) e mi ha colpito sentire esattamente la stessa paura sull´aspetto della lingua. L´integrazione è in ogni caso difficile, sia quella linguistica, che quella culturale e non sempre è facile per tutte.

 

 

Ciao a tutte. Oggi ho voglia e bisogno di condividere le mie riflessioni ed esperienze a Berlino con voi. Iniziamo.

Avete mai notato la gentilezza negli uffici quando dovete aprire un conto o spendere dei soldi? E al contrario, avete mai notato quanto non ci sia gentilezza, per usare un eufemismo, quando negli uffici pretendete dei servizi perché è un vostro diritto? Sono da 5 anni a Berlino e l’ho constatato ogni volta. Sfortuna? Non credo, visto che non sono la sola ad aver avuto queste esperienze.

Ma veniamo al tema che mi preme oggi, il mondo del lavoro e, ancor prima, gli uffici responsabili del riconoscimento del titolo di studio conseguito all’estero, cioè non in Germania.

Funziona così. Ti rivolgi al reparto competente, fai una coda infinita insieme ad altre persone straniere. Tutte persone laureate con Bachelor e Master e alcune con un dottorato. Tutte in attesa del verdetto da parte del burocrate di turno che deciderà del tuo futuro. Tu lo sai, e l’adetta/o pure, ma questa è la procedura (quante volte l’ho sentita questa maledetta affermazione!). È finalmente il tuo turno, ti vengono richiesti tutti i documenti necessari, come da protocollo. Ti sei preparata per mesi e sai che non ti coglierà in fallo. Sei preparatissima. Hai studiato per 10 anni, investito migliaia di euro (che non vuoi nemmeno calcolare quanti esattamente altrimenti potresti sentirti male), hai lavorato spesso senza retribuzione, perché “fa curriculum”, hai lavorato in posti infami e ti sei chiesta più volte se fossero lavori dignitosi, ma ti servivano i soldi. Non sei stata “choosy”, non potevi permettertelo. Il tuo CV è composto da 4 pagine, 3 delle quali sono tirocini non retribuiti. Ma sai perfettamente il tedesco, sei sicura di te, sai quanto vali come persona, al di là dei titoli che hai collezionato negli anni. Hai viaggiato in lungo e in largo, diversi soggiorni studio all’estero, sempre con lo status di studentessa, però. Ora capisco cosa stava dietro ai sorrisi di chi mi accoglieva “la studentessa spende, ma non pretende, quindi venghino siòre venghino”. Nonostante tutto ciò il burocrate di turno ti distrugge in 5 minuti. Distrugge, vivisezione e frantuma la tua autostima. Dice freddo “questo certificato non serve, questo non è conforme, questo non ci interessa. Prego, questa è la nuova lista delle cose che mancano per avere un’equipollenza. Prego, torni a studiare.”

Read more

Asilo piccolino, posti liberi

Posted on by Ruth in Asili, Famiglia e bambini, Scuole e asili bilingui, Società, Varie | Leave a comment
Nell’ italo-tedesco si sono liberati tre posti, cercano una bimba e un bimbo nati nel 2012 e un maschietto nato nel 2010.
Asilo Piccolino

Piccolino e.V.

Babelsberger Straße 40 ( Schöneberg/Wilmersdorf)
10715 Berlin
Telefon 030 8540 5885

e-mail: kontakt@piccolino-kita.de

www.piccolino-kita.de

Posto libero all’asilo bilingue Piccolino a Schöneberg da Dicembre 2013 per maschietto nato nel 2011.

Posted on by Ruth in Asili, Famiglia e bambini, Scuole e asili bilingui | Leave a comment
Si è liberato un posto da Dicembre 2013 per un bambino nato nel 2011!
1 Platz frei für einen Jungen (Jahrgang 2011) ab 1. Dezember 2013.
Kinderladen Piccolino e.V.
Babelsberger Str. 40
10715 Berlin
Meldet Euch bitte / Contattateci
per Telefon: 0176 96375551
Wilmersdorf
Alter der Kinder  / Età dei bambini
14 Kinder von 1 – 6 Jahren
Unsere bilinguale Kita(deutsch-italienisch), gibt es seit Oktober 2006. Das Team besteht aus sehr engagierten und liebevollen Erzieherinnen aus beiden Ländern (die jeweils muttersprachlich mit den Kindern kommunizieren). Wir arbeiten nach dem Berliner Bildungsprogramm, und bieten als feste Programmpunkte: Projektarbeit, Naturerfahrungen machen, viel Freiraum für eigenes kreatives Spielen,Vorschularbeit und eine jährliche Kindergartenreise. Unser italienischer Koch zaubert jeden Tag leckere Speisen mit immer mehr Bio-Lebensmitteln.

Taralli e Gummibärchen. L’ asilo Folli Folletti di Cantianstrasse 15 a Berlino

Posted on by Ruth in Asili, Cultura, Famiglia e bambini, Scuole e asili bilingui | 5 Comments

In questa tiepida e romantica serata di Giugno, quando le scuole stanno per finire e mia figlia sta per terminare il suo ultimo anno ( sigh)  di scuola materna all’ Asilo Italiano di Badenschestr. é con piacere che pubblico un articolo di Simone, che tratta proprio l’argomento asilo. Posso solo concordare con lui che il viaggio che i bambini fanno ( all’Asilo Italiano sono addirittura 5 giorni) é un’esperienza bellissima e di forte crescita per i bambini ma soprattutto per i genitori. I bambini vengono preparati molto gradualmente al viaggio, fanno un pernottamento di prova all’asilo, aspettano la famosa “Kinderreise” ( viaggio dei bambini) con trepidazione, e tornano felici, festosi, e sicuramente un pochino piú autonomi di prima. Inoltre il legame che si crea tra bambini ed educatori e tra  i bambini stessi si rafforza ancora di piú, come pure la fiducia dei genitori verso l’asilo. Mia figlia Alice da una parte é felicissima di diventare un Schulkind ( qui é un grande passo che i bambini fanno con molto orgoglio perché gli viene data una notevole importanza, e si festeggia con la famosa “Einschulung”), dall’altra già rimpiange da ora il suo amato asilo e soprattutto che quella di quest’anno é stata la sua ultima Kinderreise.  La gioia al rientro della Kinderreise é un sentimento indescrivibile, come anche la consapevolezza che in quei giorni i bambini sono stati bene anche e soprattutto senza di noi 😉 Buona lettura a tutti e finalmente buona estate! Ruth

 AB rincontro IMG_5158bis

Un pullman si affaccia da dietro l’angolo tra Milastrasse e Cantianstrasse: siamo a Prenzlauerberg, vicino al Mauerpark.

Il conducente rallenta, accosta, accende le quattro frecce ed apre le porte. All’interno, nella parte posteriore, si trovano i bagagli accatastati, piccole valigie, zaini e qualche sacchetto.

Qualcuno dorme ancora, qualcuno con gli occhi un po´ assonnati si solleva e guarda fuori dal finestrino, sorride; qualcun altro è già lì che scalpita per potersi alzare.

Dall’altra parte dei vetri, sul marciapiede, una ventina di genitori aspettano i propri figli, sono stati via “solo” tre giorni, ma ad alcuni di loro sono sembrate settimane.

Una scena che sembrerà familiare a tutti, ma c’è un piccolo particolare che la rende, sicuramente per noi, cresciuti in Italia, straordinaria: chi torna dopo tre giorni di gita, con l’ aria un po’ arruffata, sono bimbi di due, tre, quattro e massimo cinque anni. Non adolescenti, dunque, ma bambini anche molto piccoli.

Mi tornano in mente le gite del liceo, in Italia, quando ad alcuni ragazzi non era permesso partecipare perché, secondo alcuni genitori, sarebbe stato potenzialmente “pericoloso”.

La differenza culturale è enorme e si riflette anche nella diversa postura con la quale i genitori italiani e tedeschi aspettano i loro pargoli. I primi confessano Read more

3. Presentazione del libro “Tutti a Berlino” Venerdí 15 Marzo

Posted on by Ruth in Alloggi, Case, Corsi di tedesco, Cultura, Curiosità, Documenti, Famiglia e bambini, Feste e eventi, Lavoro, Libri, Musei, Quartieri, Scuole e asili bilingui, Società, Studio, Trasporti, Varie | 18 Comments
Pronti per la «deutsche vita»? Questa guida vi spiegherà
come affrontare e risolvere i nodi cruciali della vita a Berlino:
dalla registrazione anagrafica alla ricerca della casa (anche
nell’ottica di un eventuale acquisto), dall’assistenza sanitaria
alle prospettive di lavoro, dall’accesso al welfare fino al conseguimento della cittadinanza. Indirizzi, modulistica, consigli
pratici: il tutto a portata di agile consultazione.
Questa non è una guida turistica. È un manuale di sopravvivenza per tutti gli italiani che un bel giorno maturano l’idea
di affacciarsi per qualche tempo o addirittura di trasferirsi
nella capitale della Germania, metropoli a misura d’uomo e
sulla bocca di tutti. Con qualche raccomandazione, però. A
Berlino si pensa in tedesco, lo si parla alle poste, in banca, nei
negozi e agli sportelli, e vige un sistema meno intuitivo di
quel che sembra. Tutti a Berlino si propone di prendere per
mano i migranti europei degli anni Duemila e di condurli
attraverso una selva di formulari, prospetti e cartigli di varia
natura, passando per gap culturali e falsi amici. E se proprio
si ha voglia di mettere le radici nella città che il sindaco Klaus
Wowereit ha definito «povera ma sexy», questo libricino
spiega anche come diventare cittadini tedeschi. Armati, va da
sé, di santa pazienza e mostruosa disciplina.
Gli autori
Simone Buttazzi (Bologna, 1976) vive a Berlino dal 2006. Ha cambiato casa
due volte, è passato dall’assicurazione sanitaria privata a quella pubblica e per
via del suo nome di battesimo viene apostrofato quotidianamente con l’appellativo di «Frau». Campa traducendo libri.
Gabriella Di Cagno (Bari, 1961) ha studiato e vissuto a Firenze e ha compiuto la
sua «relocation» a Berlino nel 2007. Qui si è dedicata alle compravendite di
immobili e al suo B&B a Kreuzberg, traslocando continuamente tra Est e Ovest
per mantenersi in equilibrio. Nel tempo libero cucina in italiano.
In copertina illustrazione di Lorenzo Terranera
Per contatti, novità e aggiornamenti visitate il blog
www.tuttiaberlino.eu
e seguiteci su twitter @tuttiaberlino
twitter: @tuttiaberlino
Simone Buttazzi
Gabriella Di Cagno
TUTTI A BERLINO
Guida pratica per italiani in fuga
COLLANA VADEMECUM
ISBN 978-88-7462-475-1
PP. 192
EURO 12,00
In libreria dal 31 ottobre
Foreign Rights: martinacardelli@quodlibet.it
Quodlibet srl
via Santa Maria della Porta, 43
62100 Macerata
telefono 0733 264965
fax 0733 267658
www.quodlibet.it
ufficio stampa: stampa@quodlibet.it
Quodlibet Novità ottobre

E mentre riesco a fare tardi pure questa sera ( mi scuso per il layout dell’articolo non riesco a fare di meglio oggi) e domani mattina alle ore 6  mi maledirò per l’ennesima volta ( ma grazie alla mia caffettiera Alicia che mi prepara il caffé direttamente sul comodino  e la trasmissione radio Caterpillar AM che riesco a sentire in diretta le maledizioni finiscono dopo 1 minuto mentre mi sorseggio il caffé a letto :-))….ecco quello che finalmente tutti sognavamo di scrivere ma nessuno ha avuto il tempo o la costanza di farlo: un libro, un vademecum, che racchiude tutte ( o quasi) le informazioni necessarie per chi si vuole trasferire a Berlino, e che noi blogger o frequentatori di social network cerchiamo freneticamente di tenere sempre aggiornate ( impresa disperata!)  Ben venga Tutti a Berlino! Un Vademecum non solo utile, ma per fortuna anche molto ironico, perché qualche risata non guasta veramente mai :-)

io sono stata a Novembre alla presentazione di questo utilissimo libro, e posso solo consigliare di andarci: 

Venerdí 15 Marzo alle ore 18.30

MONDOLIVRO c/o A LIVRARIA – Torstr. 159, 10115

http://www.mondolibro.de/4.html

copertina_widget

Pronti per la «deutsche vita»? Questa guida vi spiegherà come affrontare e risolvere i nodi cruciali della vita a Berlino: Read more

La scuola (elementare) europea HERMAN-NOHL-SCHULE a Berlino si presenta

Posted on by Ruth in Documenti, Famiglia e bambini, Quartieri, Scuole e asili bilingui, Studio | 24 Comments

In questo freddo weekend di Maggio ( ricordiamoci, siamo vicini agli Eisheiligen),  posto un articolo di Tatiana Canali sulla Herman-Nohl-Schule,  la scuola europea italo tedesco (oltre a questa su Berlino é presente al momento solo la Finow-Schule a Schöneberg). Ci sono ancora posti liberi per le iscrizioni da Agosto!!!!  Buona lettura :-) Ruth

it_kinder_willkommen

La Herman-Nohl-Schule, situata a Berlino nel cuore di Britz, ospita tre tipi diversi di scuola: una scuola elementare statale, una scuola elementare una scuola speciale per bambini con difficoltà di apprendimento, una Scuola Elementare Europea (SESB Staatliche Europa Schule Berlin) con la combinazione linguistica italiano-tedesco.

LA SCUOLA STATALE EUROPEA (SESB)

Gli obiettivi della SESB

La Scuola Europea é un’iniziativa del Senato di Berlino, nata con lo scopo di promuovere altre lingue e culture europee presenti a Berlino. L’idea vincente di questo progetto sta nel valorizzare le competenze linguistiche e culturali dei bambini, rendendoli protagonisti nel processo di insegnamento- apprendimento.

Nella nostra scuola i bambini che parlano (giá) l ́italiano trovano l ́ambiente ideale per coltivare la loro specificitá linguistica e culturale; mentre i bambini che parlano prevalentemente o solo tedesco hanno l ́opportunitá Read more

Asili e scuole italo tedeschi a Berlino

Posted on by Ruth in Documenti, Famiglia e bambini, Scuole e asili bilingui | 212 Comments

asiloitaliano

http://www.asiloitaliano.de ( ringrazio per la concessione della foto)

A grande richiesta faccio qua una rapida carrellata degli asili bilingui di mia conoscenza, aggiungendo il sito web di ognuno e dando qualche informazione generale. Prima di questo peró vorrei spiegarvi come funziona il sistema degli asili qua.

Come regola fondamentale: ogni bambino sopra i tre anni ha diritto ad un posto all’asilo ( almeno a metá giornata), sia che i genitori lavorino sia che stiano a casa. A partire dal 1.01.2011 é stato deciso che gli ultimi tre anni di asilo prima della scuola sono GRATIS ( WOW), vuol dire che i genitori devono pagare solo i 23€ per il mangiare piú la quota dell’asilo se questo é privato o semiprivato ( ma ne parleró piú avanti).

Ecco il link: http://www.berlin.de/sen/familie/kindertagesbetreuung/kostenbeteiligung/

Read more