Conoscere nuova gente, internazionale e italiana, con Internations

Quando si decide di trasferirsi in un nuovo paese, dove lingua e cultura sono differenti, gli ostacoli da affrontare non mancano. Sono tante le cose nuove da imparare, da sbrigare, da ricordare e da sapere. Il più delle volte bisogna ricominciare tutto da zero: nuova casa, nuovo lavoro, nuovi Read more

Cerchi un professionista o un artigiano che parla italiano? Cerca su Berlinitaly!

Il portale Berlinitaly é sempre più ricco di iscrizioni, che vi ricordo, sono gratuite. È un luogo ideale per presentarsi e una banca dati sempre più ricca per chi cerca professionisti di tutte le categorie che parlano la nostra lingua. Spargete la voce tra i professionisti italiani o tedeschi a Berlino Read more

Cercare un lavoro in Germania

www.pixabay.com Che dire? GRAZIE GRAZIE Corrado Musso per i tuoi non preziosi, ma preziosismi articoli!!! Sono chiari e vanno dritti al punto! Una splendida giornata di sole a tutti! Ruth   Cercare un lavoro in Germania? -Vorrei venire in Germania a cercare lavoro, mi sapete dare qualche consiglio -Ottima idea. Che cosa sai fare, che Read more

Verità e pregiudizi sul mercato immobiliare a Berlino. Intervista a Ruth Stirati di Case a Berlino

Intervista di Dalal Irene Al Zuhairi a Ruth Stirati di Case a Berlino sulle verità e sui pregiudizi sul mercato immobiliare a Berlino. Dopo aver conosciuto Ruth, mi era chiaro che le dicerie sul mercato immobiliare Berlinese fossero numerose. Così abbiamo deciso di stendere un’intervista che potesse essere utile  a tutti coloro Read more

Cerchi un professionista o un artigiano che parla italiano? Cerca su Berlinitaly!

Posted on by Ruth in Architettura, Berlinitaly, Documenti, Lavoro, Medici, MicroPost, musica, Personale medico sanitario, Psicologi, Ristoranti, Società, Studio, Varie | 2 Comments

testata_02

Il portale Berlinitaly é sempre più ricco di iscrizioni, che vi ricordo, sono gratuite.

È un luogo ideale per presentarsi e una banca dati sempre più ricca per chi cerca professionisti di tutte le categorie che parlano la nostra lingua.

Spargete la voce tra i professionisti italiani o tedeschi a Berlino che hanno i requisiti per iscriversi.

Continuate a seguirci su www.berlinitaly.com, avremo a breve una  bella notizia da darvi.

berlinitaly_per_carlo

ITALIANI A BERLINO? DA OGGI E’ PIU’ FACILE ESSERLO

Posted on by Ruth in Alloggi, Assicurazione sanitaria, Case, Corsi di tedesco, Cultura, Curiosità, Documenti, Lavoro, Psicologi, Società, Studio | Leave a comment

cropped-Senza-titolo-1

Buon pomeriggio a tutti ( che tragedia il volo Germanwings!!! Tragedia sui cieli europei laddove noi tutti ci sentiamo sempre così sicuri!!!!)

Ho conosciuto Stephanie un paio di mesi fa perché ci siamo trovate a collaborare su diverse cose, clienti, interviste, progetti, etc etc e la prima cosa che ho notato é stata la freschezza e giovinezza dell’aspetto unito  alla professionalità e maturità nel lavoro. Le agenzie che cercano di aiutare ( o fregare ;))  gli italiani o berlino negli ultimi anni si sono moltiplicate. Quante volte ho visto fare copy paste del mio sito su altri siti….alla fine neanche  ci facevo più caso…perché mi sono sempre detta…la qualità alla fine ripaga sempre. Ed é per questo che oggi sono molto molto contenta di proporvi l’agenzia Italiani a Berlino serissima di Stephanie. La sono anche andata a trovare di persona nel suo ufficio e la prima sensazione é stata di accoglienza, calore, professionalità. Con lei si ha l’impressione che tutto è risolvibile e fattibile.

Ecco a voi quindi un articolo su di lei e  la sua agenzia, scritto da Pietro Romeo. Buona lettura!

ITALIANI A BERLINO? DA OGGI È PIU’ FACILE ESSERLO

Coltivi il sogno di aprire un bar italiano tutto tuo ma non conosci la legislazione tedesca in ambito commerciale.
Sei un freelance e vorresti comprendere il sistema di tassazione per i lavoratori autonomi con partita iva.

Devi compilare un faciscolone di documenti per il jobcenter e non sai da dove cominciare.
Ti è arrivata una lettera dall’assicurazione sanitaria: un burocratese incomprensibile che ti ha provocato un forte mal di testa.
Hai chiesto informazioni a parecchie persone sulla tassa televisiva in Germania: ognuno dice la sua e nulla ti è chiaro.

Un italiano a Berlino che non mastica il tedesco o che al massimo lo sgranocchia, quando si trova davanti complicanze e difficoltà di tal genere, difficilmente può cavarsela con il fai da te.
Certo è vero, ci sono sempre gli amici e i conoscenti- quelli che vivono qui da più tempo o che magari qui ci sono nati – ma è altrettanto vero che affidarsi a loro comporta due ordini differenti di rischio: quello di ricevere risposte parziali ed imprecise (come se, per capirci, giungessero da un telefono senza fili) e quello di disturbare le loro quiete vite con incessanti tribolazioni burocratiche.

E infatti, da quando ho conosciuto la Dott.ssa Stephanie Groitzsch non è cambiata in meglio solo la mia di vita, ma anche quella della mia povera amica R., una ragazza colpevole di conoscere la lingua fin troppo bene e di essermi fin troppo amica se è vero che sono riuscito a trascinarla in ogni ufficio amministrativo plausibile di questa grande città.

E invece, da quando c’è Stephanie Groitzsch, con la mia amica R. andiamo anche al cinema o a prenderci una birra.
Ma chi è Stephanie Groitzsch? Vi starete di sicuro chiedendo.
Più che dirvelo io è forse meglio chiederlo a lei. Non credete? Secondo me sì. Read more

Salute mentale a Berlino: Gruppo di autoaiuto femminile

Posted on by Ruth in Documenti, Famiglia e bambini, Lavoro, Medici, Personale medico sanitario, Psicologi, Società, Varie | 2 Comments

Eccomi con un articolo veramente importante per tutte noi donne a Berlino. Io sono la prima ad ammettere che ci sono dei momenti della vita in cui l’aiuto di una psicoterapia é semplicemente indispensabile. Inutile girarci intorno…A meno che non abbiamo avuto un’infanzia e una vita perfetta, senza traumi, piena di amore e soddisfazioni…ognuno di noi affronta dei momenti nella vita in cui si crede di non farcela da soli e l’aiuto di uno psicologo/a ci darebbe veramente tanto aiuto . Conosco Giulia personalmente e posso solo consigliare a tutte voi di leggere questo articolo e soprattutto di farsi forza. Tendiamo a tenerci spesso tutto dentro, sopratutto quando ci stanno malattie come la depressione. Si tende a dare la colpa al meteo ( eccomi!) , al troppo lavoro ( eccomi!) , ai bambini piccoli ( eccomi!)  al cambiamento culturale e alla mancanza dei vecchi amici e della lingua etc ( eccovi!) . Questo per es. l’ho fatto io per un bel po’. Finché non ho capito che da sola non ce la avrei mai potuta fare. Ringrazio ancora oggi la mia amica Yasmin che mi ha fatto capire quanto importante fosse andare a cercare l’aiuto di un professionista,  e in tempi brevi. Ci sono situazioni ovviamente anche meno al limite, in cui ci si sente sole e basta parlarne con altre donne,  e questa é una delle bellissime iniziative di Giulia. Brava!! E bravo anche Mattia Grigolo ( Scritturoterapia, parte finale dell’articolo) , che ho conosciuto durante uno dei corsi di scrittura creativa, dove ho scoperto doti che non avrei mai creduto di avere. Ruth

10433360_10203537257010608_2021223700_o.jpg?w=1200

Foto Simona Barbagallo

Oggi parliamo di salute mentale e delle iniziative promosse dalla dott.ssa Giulia Borriello, psicologa per italiani a Berlino, che lavora nel sociale e nel privato.

Nel novembre 2013 è nato il gruppo di auto-aiuto femminile in italiano gratuito presso la sede Bayouma Haus dell’AWO, con la partecipazione della dott.ssa Borriello in qualità di facilitatrice. L’idea era sostenuta da Mariposa, un progetto sociale finanziato dallo Stato di Berlino per le donne emigrate coordinato da Belinda Apicella e Natascha Garay, consulenti storiche della Bayouma Haus. L’esigenza era proprio quella di creare un network mensile tra le numerose donne italiane che sempre più numerose si rivolgevano a Belinda (http://52258258.swh.strato-hosting.eu/bayouma/frauenprojekt-mariposa/), ma che fosse economicamente kostenlos ( gratuito)  e quindi accessibile a tutte le categorie sociali. Queste donne evidenziavano il bisogno di non rimanere isolate con i loro problemi e dicevano di avere difficoltà a sentirsi relazionalmente ed emotivamente integrate.

La dottoressa ha ricevuto velocemente numerose richieste di adesione, anche perché già da un anno forniva presso lo stesso centro consulenze psicologiche individuali (sia a donne che a uomini,) a soli dieci euro per 50min di colloquio supportivo (le consulenze psicologiche  non sono una psicoterapia, ma sono un intervento meno strutturato della psicoterapia e non rivolto ad un cambiamento personologico, anche se efficaci per accompagnare una persona in momento difficoltoso e temporaneo). Diversi pazienti in colloquio individuale, ed anche ex pazienti, hanno mostrato interesse e motivazione verso il gruppo. Le consulenze psicologiche sono tuttora attive come servizio: viene proposto un incontro la settimana che può prolungarsi fino a dieci incontri, in modo da essere relativamente seguiti nel tempo.

Il gruppo da allora è aperto a tutte quelle donne che hanno voglia di Read more

Incontro domani 7 Dicembre ore 14: L’inclusione del bambino nella scuola e nella società di Berlino

Posted on by Ruth in Asili, Documenti, Famiglia e bambini, Psicologi, Società, Varie | Leave a comment

Volantino Marco It.-Ted.

Come sconfiggere la paura del volo

Posted on by Ruth in Curiosità, Famiglia e bambini, Lavoro, Medici, Psicologi, Società, Studio, Turismo | Leave a comment

Der-Albtraum-vom-Fliegen-Gegen-Flugangst-helfen-Seminare

abendlblatt.de

Cari amici,

é un anno che voglio scrivere questo articolo per condividere con chi ha la sfortuna di avere paura del volo, ma non ci sono mai riuscita.  Eccomi qua, oggi ce l’ho fatta!

La mia prima volta in aereo fu a 9 anni. Paura, zero, nonostante atterraggio con motore che fumava. Non ho avuto paura fino a quando non ho cominciato a volare spessissimo per lavoro, prendevo l’aereo anche 3 volte la settimana, era tutto un po’ troppo, il nuovo lavoro a Berlino, dovermi poi affittare una macchina e girare per la Germania ( senza Tom Tom), guidare come una tedesca, il lavoro che richiedeva anche 12 ore di concentrazione di seguito. Cominciai a soffrire enormemente di emicrania e a provare un certo disagio quando l’aereo entrava in turbolenza.Negli anni precedenti le turbolenze erano state per me puro divertimento. Questa sensazione di disagio si é trasformata con gli anni in paura e poi addirittura in terrore quando ho avuto il primo figlio. Il giorno in cui mi sono ritrovata su un aereo Venezia-Berlino, con mio figlio di 1 anno in braccio, e l’aereo circondato da fulmini che non poteva atterrare causa brutto tempo, ho giurato a me stessa che mai più avrei preso l’aereo con i miei figli da sola, perché non sarei stata in grado di gestire loro  contemporaneamente il mio terrore, che mi portava al silenzio e all’immobilità assoluta. Gli anni sono quindi passati con non poche difficoltà organizzative, visto che mio marito doveva prendere per forza di cose l’aereo con me, almeno per accompagnarmi in Italia, o doveva andare a riprendere i bambini ( problema nel frattempo risolto i bambini volano da tempo soli con airberlin) . Nel frattempo io ho ovviamente cercato di fare di tutto per togliermi la paura. Ho letto svariati libri, ho parlato con decine di piloti, ho seguito un corso che spiega esattamente perché volano gli aerei, etc etc. Ma niente da fare. Se il volo era tranquillo, io ero tranquilla. Guardavo però continuamente l’orologio e ringraziavo Dio nel momento in cui atterrava. Il giorno prima della partenza ero in ogni caso nervosa, un fastidioso mal di pancia preannunciava la partenza sia per o dalle vacanze. Se il volo si preannunciava o era turbolento, il mio cuore andava a mille, le mani mi sudavano, e io dovevo anche fingere di starmi divertendo un mondo di fronte ai miei figli. Uno sforzo sovrumano, e chi ha paura, sa di cosa sto parlando.

Un anno fa, sono stata in terapia da uno psicoterapista che tra le altre cose mi ha aiutato  a centrarmi su me stessa con l’aiuto dell’ipnosi. Avevo letto che era anche specializzato nel curare vari traumi e paure, tra le quali anche la paura del volo. Ho deciso di provare. La tecnica che usa si chiama EMDR, nelll’articolo eloquente ed interessante della dott.ssa Sara Bakacs é spiegato molto bene il funzionamento di questa metodologia, da cosa nasce, per chi é adeguato.

Ecco il link:  http://psicologo-romaeur.it/emdr-cose-come-funziona-chi-puo-praticarla/ a riguardo.

Prima di leggere tutte le informazioni  vorrei solo dirvi che con me la terapia ha funzionato al 100%!  A me é bastata una unica seduta di 4 ore e una seconda seduta di un’ora. Io non so più cosa significa avere paura di volare. Ci sono le turbolenze? Bene! Io e i miei figli ci divertiamo a darle dei voti…piú forti sono, migliore sarà il voto che avranno. Devo partire spesso? Non so più cosa significhi avere l’agitazione pre volo. Il cielo é nero alla partenza? La cosa non mi tocca! Stiamo per entrare in un nuvolone nero nero? Tiro fuori il cellulare e faccio un video per far morire di invidia i miei figli perché sono stata gratis sulle montagne russe. Non so più cosa significhi guardare l’orologio e chiedermi quando atterra. Mi addormento tranquillamente durante il decollo o l’atterraggio. Sono diventata come una dei tanti che per anni ho invidiato perché sapevo che avevano una qualità della vita migliore della mia. Solo di recente ho pensato che Read more

Sabato 24 Maggio proiezione cortometraggio Come passa il tempo ( in ted e it) ore 17 Oblomov

Posted on by Ruth in Assicurazione sanitaria, Cinema, Cultura, Film, Medici, Personale medico sanitario, Psicologi, Società | Leave a comment

Buonasera di meravigliosa estate a tutti.  Vi presento una proiezione e una discussione su un tema molto attuale in Italia. Qua in Germania esistono le stesse strutture ma sono gestite in maniera diversa, il dibattito verrà incentrato su queste differenze e sull’importanza che questi posti vengano definitivamente chiusi. Il video e il dibattito sono sia in italiano che in tedesco!

Libro presentatione finale DeutschLibro presentatione finale Italiano

Servizio di psicologo online per chi vive all’estero

Posted on by Ruth in Medici, Psicologi | Leave a comment

Buongiorno a tutti, nella mia pausa pranzo, mentre trangugio un toast e bevo un brodo prima di scappare all’aeroporto, pubblico un articolo per un servizio sicuramente interessante per chi ha necessità di avere uno psicologo in lingua italiana e magari non lo trova nella città dove vive, o le liste d’attesa sono troppo lunghe. Anche i costi sono contenuti rispetto alle normali visite di persona. Non conosco personalmente questo psicologo, ma penso che potrebbe essere un aiuto per alcuni. Auguro a tutti una bella giornata! Ruth

Unknown

Sono Gianluca Bernasconi, Psicologo ad indirizzo Clinico iscritto presso l’Albo degli Psicologi – Ordine del Lazio – e desidero informarvi che sul sito  www.gianlucabernasconi.it  è disponibile il servizio di consulenze psicologiche ideato per le persone che, per diversi motivi, non possono usufruire di uno Psicologo di madre lingua italiana vicino alla propria abitazione, o per chiunque si trovi impossibilitato nel recarsi presso lo Studio di uno Psicologo.

Il primo colloquio è gratuito, nulla è dovuto.

Pur non risiedendo al momento all’estero, per certi versi mi sento “uno di voi”, poiché per diversi anni in passato, seguendo mio padre ed il suo lavoro ho vissuto tra Europa e Stati Uniti; ben comprendo quindi i disagi e le difficoltà che può incontrare una persona che “respira”, vive e condivide culture e prospettive differenti rispetto a quelle apprese nel proprio paese d’origine e sulla base delle quali si è strutturato; oltretutto, poi, c’è la vita che può talvolta Read more