Cafè Seidenfaden a Berlino: un cafè con un progetto

CafèSeidenfadenCamminando per le strade di Berlino è facile imbattersi in cafè, ristoranti, cocktail bar e simili. Tutti sperano di attirare la tua attenzione, con il loro menu, i loro prezzi accattivanti, il loro arredamento, l’atmosfera particolare e non in ultimo con la loro qualità. Ce ne sono ormai talmente tanti che è difficile visitare qualcosa di nuovo, di meno inflazionato e di cui non se ne parli già sui vari blog della città. Ancor più insolito è trovare un cafè un po’ diverso nel centro più turistico di Berlino. A metà strada tra Hackescher Markt e Alexanderplatz, incastonato tra palazzi vecchio stile, fa capolino il Cafè Seidenfaden, parola traducibile in italiano come “filo di seta”. Da fuori risulta abbastanza anonimo, vi è solo un’insegna bianca con un logo e la scritta. Avvicinandosi, si legge una sua peculiarità: Nur für Frauen – solo per donne…ma non è come si potrebbe pensare.

Il locale è ovviamente popolato da sole donne, giovani e meno giovani, tutte intente a parlare, progettare, scambiarsi idee. L’ambiente è confortevole, delicato e floreale. Il blu e il verde sono i colori predominanti, rispettivamente presenti sulle pareti e sui tavoli. Subito all’ingresso è presente un grande bancone dove spunta una macchina da caffè professionale e sul retro vi è la cucina, visibile da una finestrella che permette la comunicazione tra staff in sala e i lavoratori ai fornelli.

Il menu vuole essere genuino: pietanze stagionali e torte fatte in casa. Tra le bevande si può appunto gustare un ottimo espresso illy, tè e le solite leccornie tipiche di ogni cafè. Gli alcolici non fanno però parte del quadretto: infatti il cafè nasce dal progetto „Frau sucht Zukunft“ – donna alla ricerca del futuro (tdA), che ha l’intento di aiutare le donne che sono state dipendenti da alcool e droghe e così entrambe le sostanze sono bandite dal locale. Forse è proprio per questo che al cafè Seidenfaden sembra si respiri un’aria diversa. Vedere così tante donne tutte in un’unica stanza fa pensare davvero che ci sia un progetto comune che le muova.

Pur essendo un giorno feriale, le donne vanno e vengono dal locale: c’è chi parla, c’è chi organizza la propria agenda settimanale e c’è chi legge (dei giornali sono affissi alle pareti e possono essere consultati liberamente). E chi vuole può informarsi meglio sul loro progetto, nell’ambito del quale vi è anche la possibilità di fare un’Ausbildung (i famosi corsi di professionalizzazione tedeschi) presso di loro e questo costituisce senz’altro un’occasione di riscatto per quelle donne dal passato un po’ più burrascoso. Mostre e vari eventi si tengono regolarmente nel cafè, sempre anche a sostegno del progetto “Frau sucht Zukunft”.

Ci sono giorni che girovaghi per la città in cerca di posti nuovi, vuoi sgranchirti un po’ le gambe e fare una passeggiata e qualcosa attira la tua attenzione. Il più delle volte si tratta solo di dettagli che potrebbero essere molto facilmente fonte di delusione e in poco tempo ti lasciano insoddisfatto. Altre volte da un minuscolo particolare scopri qualcosa di diverso che non avevi previsto. È ciò che succede entrando nel Cafè Seidenfaden: da fuori sembra un luogo come tanti, ma osservato da vicino si scopre essere un posto con una storia, da cui probabilmente c’è molto da imparare e c’è più di quello che si vede.

Per saperne di più sul cafè e sul progetto, si può consultare il loro sito internet: http://www.frausuchtzukunft.de.

 Valentina Lo Iacono

Posted on by Valentina in Cultura, Gastronomia, Mostre, Società, Varie

Add a Comment