Vi presento Pink Flamingos, amore per il restauro, laboratorio e un sogno diventato realtà.

Buongiorno, dopo due giorni di festeggiamenti per l’anniversario dei 25 anni della caduta del muro rieccoci nella quiete apparente del Lunedì, i bambini a scuola e le ore che mi stanno volando via una dopo l’altra, é già mezzogiorno e io devo ancora andare alla disperata ricerca di un alimento che ho imparato ad amare a Newcastle : il porridge ( qualcuno sa dove lo posso trovare? MA BUONO!) ! Infatti ho finito le scorte….e sono abbastanza disperata. Parlando di negozietti da scoprire, ve ne voglio presentare  uno che ancora non ho fatto in tempo ad andare a visitare, ma lo farò senz’altro durante i miei giri per la città. L’ho visto in foto, ne ho sentito parlare e  so la fatica e il coraggio che ci vuole per mettersi in gioco in questo modo e quindi ho chiesto alla titolare Alessandra di scrivere un articolo in cui ci racconta un po’ di più di Pink Flamingos. Natale si avvicina, penso che sia il posto giusto per trovare qualcosa di veramente originale…Qui potete trovare Pink Flamingos su FB. Buona settimana a tutti! Ruth

 

IMG_4979_Fotor

 

Vivo a Berlino da più di cinque anni. Benché questa sia una città problematica, dove trovare sicurezza economica e stabilità lavorativa è molto difficile, io continuo a viverci bene e a non riuscire ad immaginarmi altrove.

Da quando sono qui ho fatto esperienze e lavori diversi, cambiandone quasi uno all’anno. Mi piace provare cose nuove e capire dove mi sento più a mio agio.
In Italia mi sono occupata del sostegno ai disabili come operatrice in una cooperativa sociale. Per farlo qui avrei dovuto mettermi a studiare da capo e la necessità di dover
pagare l’affitto e il timore di doverlo fare in una lingua diversa dalla mia me lo hanno impedito.
Ma in questi cinque anni ho sempre accarezzato l’idea di mettermi in proprio. Di fare qualcosa che fosse assolutamente mio, dal progetto all’effettiva realizzazione.
È così che ho deciso di aprire Pink Flamingos.
In questo spazio provo a racchiudere tutto quello che mi piace davvero e che allontana la nostalgia delle mie origini che spesso mi rompe lo scatolame.

1966829_734660606628242_2318070847066027225_n

No, non ha niente a che fare con la mozzarella di bufala ma con il restauro. Con i materiali e gli odori che hanno fatto da sfondo alla mia infanzia e giovinezza, quando andavo a trovare mio padre nel suo laboratorio e lo guardavo felice di fare il suo lavoro.
Ed è questa un’ambizione comune, in fondo. La soddisfazione di fare un lavoro che abbiamo scelto per noi stessi.
A Berlino è facilissimo procurarsi vecchi mobili da risistemare. Spesso la gente li lascia per strada consapevole del fatto che qualcuno possa recuperarli e riutilizzarli.
Il mio primo anno qui non è stato particolarmente roseo dal punto di vista economico, ed ho arredato casa mia con lo spirito del
riciclo.
IMG_4916_Fotor
Questo stesso spirito è l’anima della mia idea di business. Ogni giorno provo a ridare dignità a cose che altre persone non vogliono più per sé ma che meritano una seconda occasione perché hanno abbastanza potenziale per rendere felice qualcun’ altro. Cerco tesori online, su kleinanzeigen, o nei mercatini e ci lavoro nel mio laboratorio, nel retro del punto vendita.
Il resto dell’allestimento è composto da complementi di arredo di grandi marchi, come l’inglese Sass&Belle e la tedesca Räder, vestiti per bambini cuciti a mano e piccoli oggetti d’arte.
La realizzazione effettiva del progetto è stata complessa ma non difficile come possa esserlo in altre realtà. La regione mette a disposizione corsi e centri in cui è possibile chiedere infor
mazioni burocratiche generali come la Gründerinnenzentrale (http://www.gruenderinnenzentrale.de/). I costi sono veramente bassi e il personale gentile e disponibile. Mi hanno aiutata a far ordine e a capire cosa fare passo per passo indirizzandomi verso uffici e figure professionali di competenza.

IMG_4956_Fotor

La cosa veramente importante, a mio avviso, è farsi un’idea dettagliata di ciò che si vuole fare e come lo si vuole proporre al pubblico facendosi delle domande: “È un’idea che già esiste?”, “Può funzionare?”, “Quale può essere il mio valore aggiunto?”, “In quale quartiere si trova il mio target di riferimento?”.
Tutto il resto non è altro che attivazione d
i utenze e scartoffie.
Non so ancora dove mi porterà questa esperienza ma, per ora, mi godo la soddisfazione di averla fatta nascere e di poterla condividere con gli altri.
Mi trovate a Stargardertraße 35 a Prenzlauerberg, vicinissimo alla Sbahn Prenzlauer Allee, tutti i giorni dalle 11:00 alle 19:00. Il sabato dalle 12:00. Mi piace dormire, sì.

1459255_730690483691921_3980641068035718379_n

Posted on by Ruth in Cultura, Curiosità, Documenti, Famiglia e bambini, Lavoro, Quartieri, Shopping, Società, Varie

Add a Comment